Livraison GRATUITE dès 20€
+ 3000 clients satisfaits
Comblé ou remboursé
Service Client réactif
Paiements 100% sécurisés

Applicazione mobile Yuka

Chi c'è dietro Yuka?

Yuka è un team giovane e dinamico di 11 persone motivate che vogliono realizzare un progetto significativo.

Yuka collabora con un nutrizionista

Yuka lavora anche con un nutrizionista, che ci supporta nel programma nutrizionale e scrive articoli, il nutrizionista Anthony Berthou, creatore del blog su salute e nutrizione. Insegna a professionisti della salute e dello sport e offre la sua esperienza a Yuka.

Cosa pensano i media

L'applicazione mobile Yuka, che conta più di 6 milioni di download, è disponibile sul mercato da diverse primavere.

Yuka fa parte delle applicazioni “salute e fitness” che permettono all'utente di scansionare i codici a barre dei prodotti ( carebidiol alimentari e cosmetici ) per comprenderne la composizione e quindi il potenziale impatto sulla salute.

In condizioni favorevoli

Prima della nostra analisi, un rapido sondaggio, senza alcuna affermazione scientifica, sui social network ci ha mostrato che tra il 22 e il 38% degli internauti dichiara di utilizzare una o più applicazioni di questo tipo.

L’interesse pubblico è quindi reale. Un pubblico che perde l'orientamento dietro il suo carretto e davanti al suo piatto e cerca strumenti di trasparenza e tracciabilità.

Le ragioni di questa preoccupazione sono numerose: fobia alimentare malsana esacerbata dagli scandali alimentari (mucca pazza, diossina di pollo, lasagne di carne di cavallo, uova con fipronil, semi germogliati mortali, latte infantile infetto), preoccupazioni per il riscaldamento globale, a cui spesso si attribuisce la colpa l’agricoltura intensiva e l’industria alimentare, la tentazione del cibo biologico, la cui offerta è in aumento, e la paura delle malattie (cuore, cancro, demenza).

Ovviamente la corsa al logo “salute” è in pieno svolgimento. Questo è il motivo per cui app come Yuka sono di grande attualità.

Tra incongruenze e presunzioni

Il database di Yucca combina diverse fonti, la maggior parte delle quali sono scientificamente valide e altre meno. Comprende Open Food Facts (OFF), Nutri-Score, EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare), Anses (Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare, l'Ambiente e il Lavoro), IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro), etichette per la produzione biologica “AB ” (Francia) ed “Eurofeuille” (Europa), ma anche studi “indipendenti” e opere varie.

L'algoritmo di valutazione della domanda si basa sul 60% della valutazione finale della composizione nutrizionale (Nutri-Score), degli additivi (30% della valutazione) e del settore produttivo biologico/non biologico (10% della valutazione). Il risultato è un punteggio triplo: un punteggio di 100 punti, un codice colore (verde, giallo, arancione, rosso) e un aggettivo (eccellente, buono, mediocre, pessimo).

A volte Yucca flirta con supposizioni (biologico è meglio, sono preferiti i prodotti con dolcificanti, gli aromi sono classificati come additivi), che possono distorcere i risultati dell'algoritmo e le alternative presentate come "più sane".

Le olive biologiche, ad esempio, hanno un valore più alto, anche se sono molto più salate rispetto alle olive non biologiche.

A parità di qualità nutrizionali, il miele non biologico (30/100) è definito “povero” rispetto al suo equivalente biologico (60/100), che viene dichiarato “buono”. Ma il biologico è un obbligo di mezzi, non di risultati.

Yucca sostiene chiaramente il principio di precauzione quando si tratta di integratori. Anche se questo significa essere allarmisti. Ma i termini “rischio” e “pericolo” non sono la stessa cosa. Il pericolo è una potenziale fonte di danno. Il rischio, invece, tiene conto dell'esposizione: è la probabilità che questo pericolo si verifichi (o meno). Abbiamo riscontrato molte discrepanze.

In conclusione, se l’intenzione è buona, la promessa è come il Santo Graal: è ormai utopico credere di poter “valutare” un alimento in questo modo. Nella dieta non esistono cibi “buoni” o “cattivi”. La questione è più complicata e la risposta è ambigua.

L’introduzione del Nutri-Score sulle confezioni lo scorso anno offre già ai consumatori uno strumento semplice e veloce per scelte alimentari migliori.

Il Nutri-score fornisce una valutazione complessiva del valore nutrizionale di un alimento in un'unica lettera. Tiene conto dei parametri da privilegiare (fibre, proteine, frutta, verdura e frutta secca) e dei parametri da limitare (chilocalorie

lunga vita a Yuka, scarica l'applicazione qui sotto:

Yuka carebidiolo

Mela:

https://apps.apple.com/fr/app/yuka-scan-de-produits/id1092799236

Androide

https://play.google.com/store/apps/details?id=io.yuka.android

I nostri prodotti valutati su YUKA

Buone pratiche di fabbricazione (GMP) o GMP, questo logo garantisce la qualità, la sicurezza e la conformità dei prodotti fabbricati

I test di laboratorio di terze parti implicano l'analisi dei prodotti da parte di un'azienda indipendente per verificarne la qualità .

La canapa biologica è un tipo di canapa coltivata in modo sostenibile, senza l'uso di pesticidi o fertilizzanti chimici .

Ingrediente biologico: prodotto coltivato in modo naturale, privo di sostanze chimiche e rispettoso dell'ambiente .

Questo sito è riservato ai maggiori di 18 anni e utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito.